Comunicato stampa del 19 settembre 2017

Scarica il comunicato stampa in PDF

Scarica la lettera di Antonio Tajani

COMUNICATO STAMPA

Montebelluna, 19 settembre 2017

Patrocinio europeo per il Festival CombinAzioni 2017

Ieri all’Associazione Levi Alumni è arrivata la lettera di Antonio Tajani che concede al Festival CombinAzioni l’alto patrocinio del Parlamento europeo. Grande gioia fra gli organizzatori del Festival

  

Giovani, cultura, Europa: tre parole chiave per un Festival che da Montebelluna propone occasioni di riflessione di ampio respiro a cui il Parlamento europeo ha voluto concedere il proprio sostegno morale.

Lunedì 18 settembre è infatti giunta all’Associazione Levi Alumni una lettera firmata da Antonio Tajani, Presidente dell’Europarlamento, con la quale si concede l’alto patrocinio del Parlamento europeo per la terza edizione del Festival della Cultura “CombinAzioni“, che ha come tema “una certa idea di Europa”. Grande è stata la gioia degli organizzatori del Festival, molti dei quali giovanissimi, alla notizia del riconoscimento.

In un momento storico in cui l’idea e il concetto di Europa vengono continuamente messi in discussione, Levi Alumni ha voluto cogliere l’occasione per proporre una riflessione da una prospettiva che le è propria e che caratterizza il Festival: l’interdisciplinarietà, il dialogo, la combinazione fra aspetti diversi del pensiero, dell’arte, dell’attualità.

Il patrocinio era stato chiesto a luglio con una richiesta che enfatizzava la scelta del tema del Festival e alcune iniziative che sono strettamente attinenti con gli obiettivi del Parlamento europeo e dell’Unione europea. «Se uno degli obiettivi fondanti dell’Unione europea è favorire la cooperazione e la coesione dei popoli europei – spiegano gli organizzatori – crediamo che la comprensione dei legami che vi sono fra di essi e soprattutto la definizione di una o più idee di Europa siano dei passi culturali utili e necessari». Questo avviene attraverso il ricco programma del Festival e, in particolare, tre eventi. Importante sarà la partecipazione di Steve Austen e Giusy Chierchia, membri del gruppo A Soul for Europe, che connette comunità al fine di costruire uno spazio comune europeo ed una cultura di cittadinanza attiva. Per le scuole superiori è previsto poi un workshop, a cura di Venice Diplomatic Society e BETA Italia, sul tema della cittadinanza europea, mirato anche a far conoscere il funzionamento e le competenze delle istituzioni europee attraverso una simulazione di una seduta dell’Europarlamento. Infine si è sottolineato anche l’incontro sulla crisi europea delle migrazioni con Emanuele Confortin e Sara De Vido di venerdì 22 settembre, visto che i diritti del’uomo sono tra le principali priorità del Parlamento.

Così, dopo l’inizio scoppiettante nello scorso fine settimana, il Festival festeggia ora il patrocinio europeo.  «Sono molto lieto di constatare che la Vostra iniziativa offrirà a così tanti giovani la possibilità di confrontarsi, discutere, acquisire esperienze interculturali preziose e sviluppare competenze che li prepareranno per le future carriere professionali». Queste sono alcune fra le significative parole con cui il Presidente Tajani, in una lunga lettera, ha voluto motivare la concessione del patrocinio. «Apprezzo molto la Vostra iniziativa che, nell’anno in cui si celebra il 60° anniversario del trattato di Roma, è intesa a incoraggiare presso il grande pubblico e soprattutto presso le nuove generazioni la riflessione sul progetto europeo, i risultati che ha conseguito, le sfide cui è confrontato e il suo futuro, ponendo nel contempo al centro dell’attenzione la cultura e l’identità europea che condividiamo».

Questo il commento dell’assessore alla cultura di Montebelluna, Debora Varaschin: «Orgoglio, questo è il primo aggettivo che mi è venuto in mente appena Ermes mi ha comunicato il patrocinio. Orgoglio, perché dei ragazzi giovani e preparati, hanno la costanza, la voglia, la capacità e la passione di mettersi in gioco anno dopo anno con argomenti non facili ma di attualità, per creare nella comunità momenti di riflessione. La scelta di parlare d’Europa è stata pienamente condivisa ed il 60mo anniversario del trattato di Roma ha dato l’opportunità per discutere con una visione attuale, di un tema che ogni giorno crea discussioni su più fronti. Questo patrocinio è la testimonianza di come un progetto nato da un’idea e sviluppato con sinergie di più attori, tra i quali anche i professionisti messi a disposizione da realtà come la Biblioteca e il Museo Civico, portino risultati di eccellenza. Il riconoscimento dal Parlamento Europeo, fornisce ancora una volta al nostro Comune e ad una realtà come l’Associazione Levi Alunni, l’opportunità di far conoscere ed apprezzare il nostro territorio per la qualità delle proposte ben oltre i confini comunali».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *